UN.I.COOP. Glossario

Glossario

 

-A- 

 

Agevolazioni fiscali (alle cooperative)

Le cooperative, rette dai principi della mutualità, possono beneficiare di particolari agevolazioni fiscali a condizione che negli statuti siano previsti, e siano rispettati nella pratica, specifici requisiti, nonchè sia provveduto a particolari adempimenti.

 

Albo (nazionale delle società cooperative)

E’ il registro a cui le cooperative sono tenute a iscriversi, tramite la Camera di Commercio territoriale (sostituisce il registro prefettizio).

 

Agricole (cooperative)

Cooperative tra imprenditori agricoli per la coltivazione, trasformazione, conservazione, commercializzazione e distribuzione di prodotti agricoli.

 

Articolo 45 (della Costituzione)

"La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. La legge ne promuove e favorisce l'incremento con i mezzi più idonei e ne assicura, con gli opportuni controlli, il carattere e le finalità".

 

Atto costitutivo di cooperativa

La società cooperativa deve costituirsi per atto pubblico. L’atto costitutivo stabilisce le regole per lo svolgimento dell’attività mutualistica e può prevedere che la società svolga la propria attività anche con terzi.

 

-B-

Banche di Credito Cooperativo

Cooperative che hanno lo scopo di soddisfare i bisogni finanziari dei soci e dei clienti, ricercando il miglioramento continuo della qualità e della convenienza dei prodotti e dei servizi offerti.

 

Bilancio

Il bilancio d’esercizio costituisce il prospetto contabile della consistenza patrimoniale della società cooperativa. Gli amministratori hanno l’obbligo di predisporre il bilancio alla fine di ogni esercizio sociale e farlo approvare entro quattro mesi dalla chiusura dello stesso, savlo diverse disposizioni statutarie.

 

-C-

Centrali cooperative

Le centrali cooperative del territorio nazionale sono cinque ( UN.I.COOP., AGCI, CONFCOOPERATIVE, LEGACOOP, UNCI) e sono giuridicamente riconosciute quali enti di rappresentanza, assistenza e tutela delle società cooperative. Sono delegate dal ministero attività produttive alla vigilanza prevista dalla legge, sulle proprie associate (vedere anche revisione).

 

Collegio sindacale

È l’organo di controllo dell’impresa cooperativa. Secondo le caratteristiche strutturali, economiche , gestionali della cooperativa, la sua nomina è obbligatoria ed ai componenti sono richiesti specifici requisiti professionali.

 

Consorzi cooperativi

Sono imprese cooperative (di secondo grado) costituite tra cooperative per l’esercizio in comune di attività economiche, per il coordinamento della produzione, per servizi comuni.

 

Consorzi agrari

Sono imprese cooperative “con lo scopo di contribuire al miglioramento della produzione agricola, nonché alla predisposizione e gestione dei servizi utili in agricoltura” e sono regolate dalla legge speciale 28 ottobre 1999, n.410.

 

Consorzi e cooperative di garanzia e fidi

Cooperative che hanno lo scopo di offrire garanzie fideiussorie a favore dei soci al fine di facilitare l’accesso al credito.

 

Consumo (cooperative di)

Cooperative di consumatori, finalizzate ad offrire ai soci (e non soci) beni a prezzi vantaggiosi.

 

Cooperativa

Società a capitale variabile caratterizzata dallo scopo mutualistico, regolata dal c.c. e da leggi speciali. Nasce con lo scopo di offrire ai propri soci beni, servizi, o possibilità lavorative migliori rispetto a quelle offerte dal mercato.

 

Cooperative (altre)

Nella classificazione dell’Albo Nazionale delle Società Cooperative sono così definite quelle cooperative che non trovano collocazione nei settori individuati dall'Albo.

 

Cooperative (diverse)

Ai sensi del c.c. sono definite "diverse" le cooperative non a mutualità prevalente.

 

-D-

Dettaglianti (cooperative di)

Sono cooperative di distribuzione tra dettaglianti.

 

Diritto alla privacy

Si tratta del diritto che ogni cittadino ha di escludere dall'altrui conoscenza tutto quanto riguarda la propria vita privata. È anche conosciuto come diritto alla riservatezza. Ha trovato nel Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 denominato "Codice in materia di protezione dei dati personali", una nuova misura.

 

 

-E- 

Edilizia abitativa (cooperative di)

Cooperative finalizzate all'assegnazione, in proprietà o in godimento, di alloggi per propri soci.

 

-F-

Fondi mutualistici

Istituiti dalla legge 59/92 e richiamati dal Nuovo Codice Civile, sono Fondi nazionali alimentati dal versamento, annuale, obbligatorio, del 3 % degli utili delle cooperative, dal patrimonio sociale delle cooperative disciolte o trasformate in società di altro tipo e sono finalizzati alla promozione e allo sviluppo della cooperazione.

 

Fondo sociale europeo (FSE)

Il Fondo Sociale Europeo rientra tra i fondi cosiddetti strutturali costituiti sin dagli anni '60 per promuovere nell'insieme dei paesi aderenti alla Comunità Europea uno sviluppo equilibrato e una crescita sostenibile. Oggi il Fondo Sociale Europeo è lo strumento attraverso il quale l'Unione Europea promuove al suo interno: possibilità di occupazione, mobilità professionale e territoriale dei lavoratori, adeguamento alle trasformazioni industriali e al cambiamento dei sistemi produttivi. Per raggiungere tali finalità l'FSE sostiene in particolare le attività di formazione professionale e di riconversione professionale nel quadro dei seguenti specifici obiettivi: la promozione dello sviluppo di regioni in ritardo rispetto ad altre più progredite, la riconversione in zone di declino industriale, lo sviluppo dell'occupazione nelle zone ad alto tasso di disoccupazione, l'inserimento professionale di giovani con meno di 25 anni, il sostegno allo sviluppo di zone rurali. Il Fondo opera secondo specifici programmi, attraverso l'approvazione e il cofinanziamento di progetti che rispondano alle finalità ed agli obiettivi fissati e che fruiscano per la loro realizzazione del concorso finanziario dello Stato o delle Regioni interessate.

 

-G-

Gruppo cooperativo paritetico

Contratto con cui più cooperative appartenenti anche a categorie diverse, regolano, anche in forma consortile la direzione e il coordinamento delle rispettive imprese.

 

-I-

I.C.A.

Alleanza Internazionale delle Cooperative. Organizzazione internazionale a cui fanno riferimento le realtà cooperative dei vari Stati.

 

Interesse limitato sul capitale

La legge o lo statuto stabiliscono un limite massimo di remunerazione del capitale sociale nelle societá cooperative.

 

-L-

Lavoro agricolo (cooperative di) 

Sono cooperative di conduzione terreni.

 

-M-

Mutualità

La mutualità è uno dei valori fondamentali dell’impresa cooperativa. Significa che lo scopo è quello di "fornire beni o servizi od occasioni di lavoro direttamente ai membri dell'organizzazione a condizioni più vantaggiose di quelle che si otterrebbero sul mercato". In ragione dello scambio mutualistico, sono società cooperative a mutualità prevalente quelle che: 1) svolgono la loro attività prevalentemente in favore dei soci, consumatori o utenti di beni o servizi; 2) si avvalgono prevalentemente, nello svolgimento della loro attività, delle prestazioni lavorative dei soci;3) si avvalgono prevalentemente, nello svolgimento delle loro attività, degli apporti di beni o servizi da parte dei soci. La prevalenza è definita facendo riferimento ai ricavi ed ai costi. Le cooperative sociali, le banche di credito cooperativo sono considerate comunque cooperative a mutualità prevalente. Le cooperative non a mutualità prevalente sono definite “diverse”.

 

Mutualità (esterna)

È un concetto che intende esprimere la funzione sociale della cooperazione come risposta ai bisogni della società e come risorsa della comunità locale (investimenti legati al territorio, occupazione, ecc.). E’ tipica in specifico delle cooperative sociali (in quanto perseguono lo scopo dell’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini tramite servizi socio educativi ed assistenziali e inserimento lavorativo svantaggiati ).

 

-P-

Pari opportunità tra uomo e donna

Principio che, accanto a quello di parità di trattamento, è finalizzato all'uguaglianza sostanziale tra uomo e donna, in piena attuazione dell'art. 3 della Costituzione. In questo senso è andata la legge 125/91 che si è proposta di favorire l'inserimento e la carriera delle donne nel lavoro attraverso misure che tolgano gli ostacoli che di fatto impediscono la realizzazione delle pari opportunità. 

 

 

Pesca (cooperative di)

Cooperative finalizzate all'esercizio in comune della pesca o di attività ad esse inerenti.

 

Piccola società cooperativa (Ex-)

Società cooperativa costituita con un numero di soci persone fisiche da 3 ad 8. Il nuovo Codice Civile ha previsto che le "piccole società cooperative" si trasformino in società cooperativa che adotta le norme della società a responsabilità limitata.

 

Porta aperta

La cooperativa ha il carattere di societá "aperta”: chiunque può essere ammesso a farne parte di una cooperativa nel rispetto delle norme dello statuto e dei requisiti che ciascun socio deve avere in relazione allo scopo sociale, senza criteri discriminatori.

 

Produzione e lavoro (cooperative di)

Cooperative il cui scopo consiste nel procurare lavoro ai propri soci in attività manifatturiera o di servizi.

 

-R-

Regolamenti

I rapporti tra la società e i soci possono essere disciplinati da regolamenti che determinano i criteri e le regole inerenti allo svolgimento dell’attività mutualistica tra la società e i soci. I regolamenti, quando non costituiscono parte integrante dell’atto costitutivo, sono approvati dall’assemblea con le maggioranze previste per le assemblee straordinarie (in specifico vedi socio lavoratore).

 

Requisiti mutualistici (nelle cooperative a mutualità prevalente)

Le cooperative a mutualità prevalente devono prevedere nei propri statuti: a) il divieto di distribuire i dividendi in misura superiore all’interesse massimo dei buoni postali fruttiferi, aumentato di due punti e mezzo rispetto al capitale effettivamente versato; b) il divieto di remunerare gli strumenti finanziari offerti in sottoscrizione ai soci cooperatori in misura superiore a due punti rispetto al limite massimo previsto per i dividendi; c) il divieto di distribuire le riserve fra i soci cooperatori; d) l’obbligo di devoluzione, in caso di scioglimento della società, dell’intero patrimonio sociale, dedotto soltanto il capitale sociale e i dividendi eventualmente maturati, ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione. Le cooperative deliberano l’introduzione e la soppressione delle clausole di cui al comma precedente con le maggioranze previste per l’assemblea straordinaria.

 

Revisione

Particolare strumento di vigilanza sulle società cooperative previsto dalla legge. Si esercita a mezzo di ispezioni ordinarie (annuali o biennale secondo specifiche caratteristiche delle cooperative)- e straordinarie. (vedi anche centrali cooperative).

 

Ristorno

L’assemblea dei soci può decidere, se le condizioni economiche lo consentono, l’attribuzione di un vantaggio di ordine economico-patrimoniale (detto anche Ristorno), proporzionale all’intensità del rapporto con essi intrattenuto nel corso dell’esercizio, a quei soci che abbiano attivato lo scambio mutualistico con la cooperativa.

 

-S-

Socio

Il socio è la persone fisica o giuridica che partecipa a vario titolo all’impresa cooperativa attraverso la sottoscrizione di una quota di capitale sociale. I soci possono essere: soci cooperatori, soci finanziatori (e, nelle cooperative sociali, anche soci volontari). Per costituire una società cooperativa è necessario che i soci siano almeno nove. A particolari condizioni può essere costituita una cooperativa da almeno tre soci.

 

Socio speciale

L’atto costitutivo può prevedere l’ammissione del nuovo socio in una categoria speciale in ragione dell’interesse alla sua formazione ovvero del suo inserimento nell’impresa.

 

Socio (lavoratore)

Trattasi di tipico rapporto che si applica alle cooperative nelle quali il rapporto mutualistico ha per oggetto la prestazione di attività lavorative da parte del socio. Tale rapporto, ulteriore a quello associativo, è normato dalla legge e da apposito Regolamento Interno.

 

Sociali (cooperative)

Cooperative per la gestione di servizi socio-sanitari ed educativi, nonché finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate, regolate dalla legge 381/91.

 

Solidarietà

E' uno dei principi fondamentali in ogni cooperativa, La solidarietà si fonda, prevalentemente, sulla condivisione di idee, propositi e responsabilità, sul reciproco sostegno, sul senso di appartenenza e coscienza di comuni interessi e finalità.

 

Sovventori (soci)

Sono soci finanziatori – persone fisiche o giuridiche- che investono capitali nell’impresa cooperativa allo scopo di riceverne una remunerazione.

 

-T-

Trasporto (cooperative di)

Cooperative che svolgono attività di trasporto di cose e persone, carico e scarico merci, spedizioni.

 

-U-

Una testa, un voto

Nello svolgimento delle assemblee della società, ogni socio cooperatore persona fisica ha diritto ad un voto, indipendentemente dalla quota di capitale detenuta.

 

-V-

Variabilità del capitale socialeNelle cooperative il capitale sociale non è determinato in un ammontare prestabilito. Perciò, l’ingresso nella società cooperativa da parte di nuovi soci non comporta la modificazione dello statuto.